Le Sardine in piazza a Taranto: “Domani passaggio cruciale. Se a Bologna ci siamo mobilitati per un’urgenza elettorale, qui abbiamo un’urgenza di vita”

La città dove la frattura tra salute e lavoro è una ferita lacerante a cui la politica non riesce a … Altro

La lezione del sindaco di Sant’Anna di Stazzema: quell’insegnante anti-Sardine che inneggia al fascismo venga qui, da sospeso, con i suoi alunni. Il viaggio lo paghiamo noi.

“Chiedo a questo insegnante di accompagnare i ragazzi a Sant’Anna di Stazzema, da sospeso, per riconciliarsi ancor prima che con i suoi ragazzi, con se stesso, per comprendere a cosa porti un’ideologia del pensiero unico in cui qualcuno può essere punito in una scuola per aver espresso un pensiero libero e democratico.”

Vale più un operaio dell’Ilva che 10 ex ministri razzisti. L’autogol bestiale del leader della Lega che, in un colpo solo, offende Balotelli e le tute blu

La più grande acciaieria d’Europa sull’orlo del baratro e c’è chi non perde l’occasione per sfruttare il dramma di 10.700 lavoratori e difendere chi inneggia al nazismo e si professa razzista

L’Europa dice no a ong e porti aperti. “Salviamo le bestie, ma non gli esseri umani.” L’amarezza di Pietro Bartolo per il voto del Parlamento UE

A Strasburgo oggi si poteva scrivere una pagina molto diversa. Una di quelle che avrebbe aiutato l’Europa a ritrovare l’anima perduta. E invece i parlamentari chiamati a votare la cosiddetta risoluzione pro-ong hanno detto no. «È incredibile. – ha dichiarato il medico di Lampedusa Pietro Bartolo, uscendo dall’aula – Ci occupiamo di salvare le bestie, ma non gli esseri umani. Ieri abbiamo deciso di difendere le api, oggi abbiamo deciso di non salvare gli esseri umani».

A noi fa schifo

Ieri alla vigilia del raduno leghista a Pontida Vito Comencini, 31 anni, deputato veneto, esponente della gioventù del Carroccio, ha dichiarato: “Questo Presidente della Repubblica, lo posso
dire? Mi fa schifo. Mi fa schifo chi non tiene conto del voto del 34% degli italiani. Comencini, no, non lo puoi dire. E’ vilipendio. Ma anche se potessi…

Legittima difesa democratica

“Te n’a ì”. Te ne devi andare. Non un invito, non una sollecitazione ma una minaccia, accompagnata dalla violenza fisica. Ancora una volta i fan di Matteo Salvini si scagliano contro cittadini e cittadine che dissentono pacificamente. Dopo Modena, è accaduto anche ieri ad Avellino. A farne le spese una ragazza che contestava il vicepremier in perenne campagna elettorale. Solidarietà e resistenza in un intervento di Franco Fiordellisi, segretario generale della Camera del lavoro di Avellino