Se amiamo la libertà, dobbiamo scendere in piazza. La lettera delle donne curde al mondo

È un invito a partecipare alla mobilitazione internazionale in segno di solidarietà nei confronti della resistenza curda. È anche il racconto delle atrocità e di una violenza che rievoca la pulizia etnica. Contro la guerra della Turchia si manifesta in numerose città. Oggi a Milano davanti al Consolato turco e a Roma – con Cgil, Cisl e Uil – in piazza Santi Apostoli a partire dalle 17.30. Scendiamo in piazza ovunque con questa lettera nel cuore.

Fermate la guerra! La Turchia attacca il popolo curdo. Non possiamo permetterlo.

Due morti e due feriti nel villaggio di Misharrafa. Bombardamenti su aree abitate da civili. Le forze turche prendono di mira anche una diga che fornisce acqua potabile a 2 milioni di persone. La guerra contro il popolo e la democrazia curda è appena iniziata. Non possiamo restare a guardare. Qui trovate l’appello di Anpi, Cgil, Arci, Legambiente da rilanciare e le piazze da riempire per far sentire la nostra voce.

Carola siamo noi

La comandante della Sea Watch 3 è stata arrestata con l’accusa di “resistenza o violenza contro nave da guerra” . Carola ha fatto quello che doveva. Ha portato in salvo i 40 migranti che da oltre due settimane vagavano a largo di Lampedusa in attesa del via libera per l’approdo. Se arrestano lei, devono venire a prenderci tutti, casa per casa. Devono venire a prenderci in strada dove manifestiamo, davanti ai sagrati delle Chiese dove dormiamo, davanti alle prefetture dove diciamo e continuiamo a ripetere che le loro leggi sono sbagliate.