Ragazzi, non fatevi fregare. Fate politica: vuol dire interessarsi agli altri

Carlo Sorgi è un giudice del lavoro, esponente di Magistratura Democratica. In questo articolo si rivolge ai ragazzi e alle ragazze che sono scesi in piazza nei giorni scorsi. Per sconfiggere le mafie serve l’impegno, serve fare politica, partecipare, serve il lavoro, quello buono. “Diamoci tutti da fare. Dipende da noi.”

Padre Alex Zanotelli: “I giovani che oggi scioperano fanno vergognare noi adulti che non riusciamo più a urlare, a gridare, a pretendere i nostri diritti.”

E’ stato uno dei punti di riferimento della campagna per i porti aperti e per i diritti dei migranti, ma … Altro

Tra il dire e il fare

Pubblichiamo la lettera aperta dei ragazzi dei Fridays for Future di Bari, invitati nei giorni scorsi a intervenire sul palco della Fiera del Levante. Non lo facciamo per alimentare una polemica ma per offrire un freddo elenco delle cose concrete di cui, da oggi, sarà non si potrà più prescindere nel programmare un grande evento con il più basso impatto ambientale possibile

Abbiamo l’acqua alla gola

“Abbiamo l’acqua alla gola. In tutti i sensi.” E’ l’allarme lanciato dalla Rete degli Studenti medi e dall’Unione degli Universitari che, all’apertura dell’anno scolastico, ci hanno ricordato: “Tra meno di 50 anni il surriscaldamento globale, se non arrestato, causerà l’innalzamento del livello del mare e il completo stravolgimento delle nostre vite.”

Fiore di maggio

Le università si riempiono di studenti e studentesse al grido: “Fuori i fascisti”. Sono gli stessi giovani che fanno la staffetta per proteggere i rom nelle periferie romane. Gli stessi che in tutto il mondo vogliono salvare il pianeta. Sono i nostri fiori di maggio. Come Elsa Falerno, morta a 15 anni con il coraggio di una leonessa. Da Torino un contributo di Salvatore De Luca