La Resistenza è comune, la Rivoluzione è femmina ed è appena cominciata

Ascoltate le piazze di questi giorni, ascoltatele con attenzione mentre cantano Bella Ciao, le voci predominanti sono femminili tanto da sembrare piazze di sole donne, perché il cambiamento sociale, politico, culturale, non potrà esserci davvero finché non cambierà la loro condizione.
Scrive Salvatore De Luca

Bella Ciao? Un inno alla libertà e una canzone d’amore. Ecco perché piace a tutti tranne che a fascisti e sovranisti. Breve storia musicale della canzone che unisce le piazze del mondo.

I ragazzi hanno ricominciato a cantarla nella piazze e addirittura qualcuno ha osato cantarla in chiesa. Puntuali sono arrivate le critiche: è troppo di parte. Ma ne siete proprio sicuri? In realtà Bella ciao è diventata l’inno ufficiale della Resistenza solo quindici anni dopo la fine della guerra. La canzone dei partigiani era Fischia il vento. Poi vennero Montand, Gaber, de André… e persino il Congresso della Democrazia Cristiana. Oggi è il canto delle sardine, dei Fridays for future, del Cile che lotta e di Hong Kong che resiste. Ilaria Romeo spiega perché.

In Colombia monta la rabbia dopo la morte di Dilan Cruz, 18 anni, assassinato per mano dello Stato. “Saremo pacifici, ci muoveremo in massa, ma non ci fermeremo.”

Si ritroveranno tutti in piazza. Ancora. A mezzogiorno in punto, alle 18 ora italiana. Ma con un motivo in più. Quel motivo si chiama Dilan Cruz, 18 anni, colpito da un proiettile sporco durante le manifestazioni di sabato scorso e morto ieri. Sarà un Cacerolazo por la vida perché Dilan è la prima vittima nelle proteste esplose in Colombia contro le politiche del presidente Ivan Duque. Ed è un simbolo. “Il nostro compagno è morto per mano dello Stato colombiano – denuncia l’Unione nazionale degli studenti dell’istruzione superiore -, ma il suo omicidio si inquadra in un contesto sistematico e diffuso di mancanza di rispetto per la vita e l’integrità di coloro che esercitano il diritto alla protesta sociale.”

Non punite don Biancalani, il prete che ha cantato Bella Ciao. Don Andrea Gallo avrebbe fumato il sigaro e vi avrebbe detto “Ieri, oggi, domani, sempre Resistenza!”

Questa, però, non è solo la storia di Don Biancalani. E’ la storia dei preti partigiani, che forse abbiamo tutti dimenticato, di quei tanti che persero la vita nella difesa dei loro parrocchiani e dei loro concittadini, nella lotta contro l’oppressione nazista e fascista. E poi questa è anche la storia dei preti di strada, come don Luigi Ciotti e Padre Alex Zanotelli. Come don Andrea Gallo. Tutti e tre hanno cantato Bella Ciao in chiesa e mai nessuno ne aveva fatto un caso, anzi a Genova ai funerali del “gallo” Bella Ciao la cantarono tutti, dentro e fuori la chiesa. Lui avrebbe voluto farne l’inno nazionale.

La lezione del sindaco di Sant’Anna di Stazzema: quell’insegnante anti-Sardine che inneggia al fascismo venga qui, da sospeso, con i suoi alunni. Il viaggio lo paghiamo noi.

“Chiedo a questo insegnante di accompagnare i ragazzi a Sant’Anna di Stazzema, da sospeso, per riconciliarsi ancor prima che con i suoi ragazzi, con se stesso, per comprendere a cosa porti un’ideologia del pensiero unico in cui qualcuno può essere punito in una scuola per aver espresso un pensiero libero e democratico.”

Da che parte stanno le Sardine? La risposta più bella dal palco di Reggio Emilia. Con Adelmo Cervi dalla parte giusta della storia.

“Chiamatemi compagno, non sono un signore” – chiarisce subito Adelmo Cervi quando prende la parola dal palco di Piazza Prampolini. Una piazza piena zeppa come tutte quelle che l’hanno preceduta finora e piena di richiami alla storia democratica e antifascista del nostro Paese.

Benvenuti in mare aperto. Le sardine pubblicano il loro manifesto. Per lo scrittore Erri De Luca finalmente piazze vive e piene di giovani che vogliono costruire il futuro

“Che sia il futuro è certo – ha commentato l’autore di libri come “Impossibile” o “Il giorno prima della felicità”, perché il futuro è nelle mani dei giovani: saranno loro a detenerlo; la bella notizia è che lo vogliono anche determinare e non semplicemente subire. No, questi ragazzi e queste ragazze vogliono dirci come deve essere.”