Un pugno al razzismo, un calcio alla guerra. Città del Messico chiama Istanbul.

Gino Strada ha un sogno. Che alla finale di Champions League in programma a Istanbul, non si presenti nessuno, che siano le squadre a dire: “Noi qui non giochiamo”. Impossibile non pensare a quella sera di 51 anni fa: a Tommie Smith e John Carlos e ai loro pugni alzati. Ma questa è anche la storia del St.Pauli, del cestista Enes Kanter e di un’epica tifoseria contro razzismo e violenza