Legittima difesa democratica

“Te n’a ì”. Te ne devi andare. Non un invito, non una sollecitazione ma una minaccia, accompagnata dalla violenza fisica. Ancora una volta i fan di Matteo Salvini si scagliano contro cittadini e cittadine che dissentono pacificamente. Dopo Modena, è accaduto anche ieri ad Avellino. A farne le spese una ragazza che contestava il vicepremier in perenne campagna elettorale. Solidarietà e resistenza in un intervento di Franco Fiordellisi, segretario generale della Camera del lavoro di Avellino