Reggio, ti scatterò una foto

Una giornata voluta, vissuta e ricca di emozioni. Un rotolare verso Sud per seminare i semi di un Paese più unito. Di un mezzogiorno dal quale smettere di scappare per studiare, lavorare e curarsi. Gli scatti più belli dal sito della Cgil e dai social

Caterina da ♥️ a ♥️

Stress da lavoro? Adesso è una sindrome, anche sotto il profilo formale. Lo ha deciso l'Organizzazione Mondiale della Sanità. Nelle stesse ore, la Funzione Pubblica Cgil ha presentato uno studio che indaga sulle condizioni di salute dei lavoratori della sanità. Ma qual è la situazione reale per chi ogni giorno deve fare i conti con tanto lavoro, poco salario e un ambiente non facile? Lo abbiamo chiesto a Caterina, cardiologa in un importante policlinico della Capitale

Lettera aperta di un ristoratore agli aspiranti chef: “Lasciate ogni speranza o voi ch’entrate”

Lavorare nel mondo della ristorazione visto da fuori può sembrare bellissimo, stimolante, ricco di soddisfazioni. Niente di tutto ciò è vero. O meglio, avrete più probabilità di essere colpiti da un asteroide che diventare quei 10-20 cuochi che ce la faranno. La verità è che lavorare in un ristorante è una bella porcheria. Ma nessuno ha il coraggio di dirvelo.

Il Giro degli sfruttati

Sarebbe questo il lavoro del futuro? A Pisa, i rider di una nota multinazionale di consegna di cibo a domicilio scrivono una lettera aperta per mostrare le difficoltà e i pericoli del loro lavoro. Il testo è accompagnato anche da un video. Un ottimo esempio che mostra la coesione dei lavoratori in una battaglia per i diritti ancora tutta da giocare. E speriamo che il Ministro Luigi Di Maio legga e veda. Magari troverà ispirazione per i suoi fantomatici interventi legislativi. Intanto qui ricordiamo anche che a settembre scorso, proprio nella città della Torre, un pony express è morto in un incidente stradale. Maurizio Cammillini, 29 anni, lavorava in nero, si è schiantato sull'asfalto per 3 euro.