L’importanza di chiamarsi Arturo

Il giorno dei funerali dei sei operai uccisi alle Fonderie Riunite di Modena, sulla città era sceso un silenzio irreale. Dall’eccidio sono passati 70 anni. Il racconto di Arturo Ghinelli

Evviva la Costituzione che compie 72 anni. Dentro c’è tutta la nostra storia, tutto il nostro passato. Dentro c’è il nostro futuro

Il 27 dicembre del 1947 la Costituzione della Repubblica Italiana venne pubblicata in Gazzetta ufficiale. Diceva Pietro Calamandrei: “Se voi volete andare in pellegrinaggio nel luogo dove è nata la nostra costituzione, andate nelle montagne dove caddero i partigiani, nelle carceri dove furono imprigionati, nei campi dove furono impiccati. Dovunque è morto un italiano per riscattare la libertà e la dignità, andate lì, o giovani, col pensiero perché lì è nata la nostra Costituzione.” – Scrive Ilaria Romeo

L’Arcipelago delle Sardine sbanca facebook e adesso la Bestia ha davvero paura

35 giorni per oltre 201mila iscritti. L’Arcipelago delle Sardine, gruppo facebook nato lo scorso 16 novembre, diventa il più popolare d’Italia dopo la pagina ufficiale delle 6000 Sardine che di iscritti ne conta più di 247.500. La vera notizia è che la gentilezza e la cortesia si riprendono la rete. La Bestia adesso ha paura, sconfitta da questa piazza virtuale: neanche i pinguini sovranisti, i gattini, i capitoni dell’ultima ora sono riusciti a fermare il banco sbanca tutto.

Le Sardine in piazza a Taranto: “Domani passaggio cruciale. Se a Bologna ci siamo mobilitati per un’urgenza elettorale, qui abbiamo un’urgenza di vita”

La città dove la frattura tra salute e lavoro è una ferita lacerante a cui la politica non riesce a … Altro

Bella Ciao? Un inno alla libertà e una canzone d’amore. Ecco perché piace a tutti tranne che a fascisti e sovranisti. Breve storia musicale della canzone che unisce le piazze del mondo.

I ragazzi hanno ricominciato a cantarla nella piazze e addirittura qualcuno ha osato cantarla in chiesa. Puntuali sono arrivate le critiche: è troppo di parte. Ma ne siete proprio sicuri? In realtà Bella ciao è diventata l’inno ufficiale della Resistenza solo quindici anni dopo la fine della guerra. La canzone dei partigiani era Fischia il vento. Poi vennero Montand, Gaber, de André… e persino il Congresso della Democrazia Cristiana. Oggi è il canto delle sardine, dei Fridays for future, del Cile che lotta e di Hong Kong che resiste. Ilaria Romeo spiega perché.

La lezione del sindaco di Sant’Anna di Stazzema: quell’insegnante anti-Sardine che inneggia al fascismo venga qui, da sospeso, con i suoi alunni. Il viaggio lo paghiamo noi.

“Chiedo a questo insegnante di accompagnare i ragazzi a Sant’Anna di Stazzema, da sospeso, per riconciliarsi ancor prima che con i suoi ragazzi, con se stesso, per comprendere a cosa porti un’ideologia del pensiero unico in cui qualcuno può essere punito in una scuola per aver espresso un pensiero libero e democratico.”

Benvenuti in mare aperto. Le sardine pubblicano il loro manifesto. Per lo scrittore Erri De Luca finalmente piazze vive e piene di giovani che vogliono costruire il futuro

“Che sia il futuro è certo – ha commentato l’autore di libri come “Impossibile” o “Il giorno prima della felicità”, perché il futuro è nelle mani dei giovani: saranno loro a detenerlo; la bella notizia è che lo vogliono anche determinare e non semplicemente subire. No, questi ragazzi e queste ragazze vogliono dirci come deve essere.”

365 giorni senza Silvia Romano. Gli arresti non bastano se non riportiamo a casa la nostra meglio gioventù.

Ha 24 anni Silvia Romano e non c’è una foto in cui non sia sorridente. Fino all’ultima scattata solo tre giorni prima che venisse rapita nel villaggio di Chakama, vicino Malindi. Era un anno fa esatto quando le agenzie di stampa battevano la notizia di una giovane cooperante italiana sequestrata in Kenya.

Ai giganti della gig economy piace solo un sindacato: quello giallo.

I giganti della modernità, del 4.0, dell’innovazione senza tutele tentano di fare leva su questo vecchio, vecchissimo arnese. La loro parola d’ordine è sfruttamento. Quella delle organizzazioni sindacali
vere la lotta e la conquista di diritti.

Lettera di un figlio a un padre ucciso dal lavoro. “Papà, non così. Per la prima volta in questa vita ho paura”

Mirko Sinibaldi è il figlio di Giuseppe morto in un incidente avvenuto nella discarica di Colleferro sabato 9 novembre. Affida il suo dolore alla rete, ed è anche rabbia e denuncia per un lavoro che strappa vite e famiglie all’improvviso. Rilanciamo questo messaggio, perché, come scrive Mirko, tutto questo non si può accettare.

La storia si fa insieme. Lula torna libero e la Cgil c’è. A San Paolo l’abbraccio tra chi sogna e lotta per il lavoro e la democrazia

Dal Brasile il racconto dell’incontro con Inácio Lula da Silva poche ore dopo la sua scarcerazione. Scrivono Elena Lattuada, segretaria generale Cgil Lombardia e Fabio Ghelfi, responsabile politiche internazionali.