Le Sardine in piazza a Taranto: "Domani passaggio cruciale. Se a Bologna ci siamo mobilitati per un'urgenza elettorale, qui abbiamo un'urgenza di vita"

La città dove la frattura tra salute e lavoro è una ferita lacerante a cui la politica non riesce a dare risposte si prepara a ospitare il popolo delle Sardine. Domani mattina alle 10 in Piazza Immacolata arriveranno da tutta la Regione e ci sarà anche Mattia Santori, uno dei quattro ragazzi bolognesi che hanno dato il via a questa marea di appuntamenti perché – spiega la testa del movimento: “Taranto sarà un passaggio cruciale. C’è chi taglia. Noi cuciamo.”

In un’intervista al quotidiano il Manifesto Santori aveva spiegato ieri come è nato l’evento di Taranto “non da noi ma dal coordinamento delle sardine pugliesi che hanno deciso di fare il primo abbraccio, la prima nuotata a Taranto. All’inizio ero dubbioso. Poi ho parlato con loro e ho capito che il messaggio sarebbe stato potente. Loro dicono: portiamo lo stile delle sardine in una terra che negli ultimi anni è stata divisa da tutte le promesse della cattiva politica. Non c’è una politica in grado di unire le mamme che hanno perso i figli agli operai che vogliono lavorare. Portiamo una medicina diversa in un territorio malato di una malattia legata al populismo di chi nega le risposte complesse. Senza bandiere sarà più facile per i tarantini ritrovarsi in un’idea di società e di una politica più seria. Per noi a Bologna c’è un’urgenza elettorale, da loro un’urgenza di vita.”

“Non cercate di catalogarci – puntualizzano gli organizzatori tarantini – non siamo un movimento anti-politica. Ognuno di noi ha già riferimenti chiari. Non chiediamo nuovi partiti, altri contenitori. Ce ne sono già abbastanza. Chiediamo solo alla politica di tornare seria e non proporci più ricette semplicistiche o propagandistiche per mali complessi come quello che viviamo qui, dove ognuno di noi incarna la trinità dolorosa delle famiglie che hanno perso un loro caro, dei malati o delle migliaia di operai eternamente in bilico.”

Le parole d’ordine – oltre ad antifascismo, democrazia, partecipazione – sono dignità, unità, coesione, responsabilità. Le Sardine promettono di essere “anticorpi e piastrine su una ferita aperta“.

Lo spettro dell’acciaieria più grande d’Europa, dei 5mila esuberi su cui il gruppo franco-indiano ArcelorMittal vuole tornare a trattare dietro ricatto si unisce a quello dei morti per inquinamento, degli operai vittime del lavoro, di quelle polveri rosse che colorano e soffocano la città.

Chiediamo attenzione – aggiungono gli organizzatori – ed esigiamo rispetto.” Data e orario dell’appuntamento di domani non sono casuali. Alle 10.30 la Lega riunirà l’assemblea provinciale in un relais sulle sponde del Mar Piccolo, alla presenza del vice segretario federale Crippa.

“Qui non si tratta di essere anti qualcuno – precisano le Sardine di Taranto – qui si tratta di rivendicare rispetto perché se sei strategico per la nazione quando produci un punto e mezzo di PIL, dovresti esserlo anche quando il tuo diritto alla cura viene messo a dura prova, come nel nostro caso, da politiche inadeguate o da provvedimenti come l’autonomia differenziata che la stessa Lega propone. Siamo a Taranto per unire e riconoscerci su valori come dialogo e rispetto reciproco, perché forse è proprio qui che si misura l’unità del paese e la maturità che la politica deve tornare ad avere.”

Domani in Piazza Immacolata, come in tutte le altre piazze che le Sardine hanno riempito in questi giorni, non ci saranno palchi o bandiere solo musica e le voci di alcuni ragazzi che vogliono un futuro diverso, nella loro città.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...