Il generale USA: è pulizia etnica. Trump ha le mani sporche di sangue. Intanto Erdogan attacca Kobane

Il presidente turco annuncia di avere il via libera della Russia per attaccare la città simbolo del riscatto curdo. Il presidente statunitense Donald Trump, intanto, ritira mille soldati dal Nord Est della Siria.

E proprio dagli Stati Uniti arriva l’agghiacciante denuncia del generale John Allen che fu a capo delle forze statunitensi in Afghanistan.

“Il presidente Donald Trump ha le mani sporche di sangue per aver abbandonato i nostri alleati curdi”: è il durissimo giudizio dell’ex comandante della coalizione internazionale anti-Isis. “Le conseguenze dell’attuale crisi erano del tutto prevedibili e nonostante questo gli Usa hanno dato la luce verde”. Allen parla di “pulizia etnica in corso” voluta dal leader turco Recep Tayip Erdogan. “Questo è quello che succede quando il presidente Trump segue il suo istinto e si allinea con gli autocrati”.

La ritirata non è un’opzione. – fanno sapere intanto dal quartier generale delle Forze Democratiche in Siria – Noi continueremo a combattere, succeda quel che succeda. Lo Stato turco può decidere l’inizio della guerra, ma non la fine”, ha dichiarato il responsabile relazioni esterne FDS Rêdûr Xelîl commentando la situazione attuale in Rojava.

I

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...