Il padre di Orso, morto per la causa curda: “Uccideranno Lorenzo una seconda volta.”

Lorenzo Orsetti era un ragazzo che ci credeva. Uno che dopo 13 anni a lavorare nella ristorazione, a fare il cuoco e il cameriere, aveva deciso che c’era una causa più alta da servire: quella del popolo curdo. Per tutti sarà il partigiano, il compagno Orso, per chi combatteva con lui resta “Tekoser”, il lottatore. Aveva deciso di partire per la Siria non solo per battersi contro la violenza, il terrore e l’oscurantismo dello Stato Islamico ma anche per affermare e costruire una società giusta, una democrazia dal basso, sconosciuta a Oriente come a Occidente. È morto a marzo scorso, insieme ai compagni, in un agguato. Oggi suo padre, Alessandro, accusa: l’attacco della Turchia al Rojava rischia di ucciderlo una seconda volta.  

“Ai ragazzi e alle ragazze curde che hanno combattuto con mio figlio e che oggi continuano a combattere dico: fate bene a sentirvi traditi da governi e istituzioni, ma non sentitevi traditi dai popoli. Perché c’è tanta gente che lotta insieme a voi, che vi è vicina, che ha voglia di intervenire e di protestare. C’è tanta gente che sente il vostro dolore e la vostra rabbia. Anzi, vorrei aggiungere che sempre di più sto riscoprendo, proprio in questi giorni difficili, la forza e la grandezza dell’unione dei popoli, popoli che condividono quella che un tempo avremmo chiamato lotta di classe, persone che fanno fatica ad affermare i loro diritti. È questa lotta quotidiana per un lavoro giusto, per una casa, per quel po’ di benessere che meritiamo, che avvicina popoli e persone. È la base dell’internazionalismo.”

È un messaggio comunque carico di speranza, quello che Alessandro Orsetti consegna al nostro blog. Sospira, però, quando pensa alle notizie che arrivano dalla Siria del Nord e dal Rojava, da quella terra che non solo ha respinto l’Isis ma ha saputo dare vita a una comunità democratica fondata sui principi della convivenza e della libertà, dove uomini e donne sono pari, tanto che nessuna donna può essere assoggettata agli ordini di un uomo e ogni amministrazione è guidata da un uomo e da una donna. “Colpisce che le logiche del potere economico e politico travalichino ogni principio umano, che in tutti questi anni non si sia trovata una soluzione. E anche questi ultimi drammatici sviluppi sembrano solo un’ulteriore manovra per poter vendere armi e frenare l’arrivo dei migranti attraverso la rotta balcanica. Sono disgustato da questi meccanismi: finanziamo Erdogan perché blocchi le persone al confine e in cambio chiudiamo gli occhi e voltiamo lo sguardo altrove davanti alle sue follie.”

Eppure non c’è sorpresa nel tradimento degli Stati Uniti, solo un grande dolore che oggi si rinnova a quasi 7 mesi dalla morte di Orso: “Mia moglie e io non siamo stupiti di fronte all’annuncio della ritirata su cui Trump ha fatto solo parzialmente marcia indietro. So che neanche i giovani combattenti curdi lo sono. Nelle ultime comunicazioni con Lorenzo ne avevamo parlato: non si aspettava nulla dall’imperialismo americano. Ma il via libera all’attacco turco, quello sì, ci tocca davvero dolorosamente. È come se stessero uccidendo nostro figlio una seconda volta perché distruggeranno quella realtà per la quale lui ha sacrificato la vita.”

Il testamento di Orso

Di Lorenzo, assassinato a 33 anni, resta tanto, molto più che un ricordo: “Ai ragazzi, alle ragazze italiane posso chiedere poco o nulla. Ma vorrei che conoscessero due concetti che il mio Lorenzo ha riscoperto lottando per e con il popolo curdo: la militanza che vuol dire compiere una serie di scelte quotidiane, di giorno in giorno coerenti, chi milita si schiera, prende posizione; l’altro concetto è il superamento della dimensione individuale attraverso il senso della comunità e dell’appartenenza. Mi auguro che i nostri giovani – che pure in questi mesi hanno lottato e protestato nelle piazze italiane – possano fare esperienza di entrambi. E sì, forse qualcosa lo chiedo anche a loro: fate sentire la vostra voce, siate coerenti, siate costanti, non seguite le mode e andate sempre avanti.”

Alessandro Orsetti con Maurizio Landini quest’estate a Firenze – ph. Fortebraccio

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...