Famo prende aria ar cervello

Che poi si ce pensi sta cosa è ‘na cifra divertente… tu immaginate de fatte la settimana dei macellari e che tutti i macellari te vengono ‘n piazza: se riuniscono, te spiegano come devi da tajà la carne, dove la devi prenne, come la devi macerà, e te mettono su uno spettacolo dove alla fine te fanno pure magnà. E sì, che quello sarebbe bello.

Ecco però, er problema probblematico, è che lo fanno co gli scienziati. E tutti li scienziati stanno là rintanati nei loro labboratori, a tajasse dalle risate e a riguardasse ‘a partita della Roma, e poi ariva sta settimana che je tocca da uscì dalla gabbia e annà ‘n piazza a fà finta de sapecce fà co la ggente, e che alla fine tutto sommato come attori nun sò poi così male e che pure come animatori de marmocchi se la cavano. E diciamolo che lo scienziato è un privilegiato che se becca sta settimana che tutti devono annà a dije “ahò ammazza, anvedi che cervellone che ciai, ah! Io sta cosa proprio nun la capisco; ma che poi oh, davero, ma che cazzo fate tutto er giorno“, che appunto, er macellaro tutti lo sanno quello che fà, ma gli scienziati, quello che fanno, è ‘n gran mistero, perche tutti, dico popo tutti, all’ora de scienze incrociaveno le dita e affondavano la testa in quello spazio sottile sotto ar banco dove a malapena c’entrava er sussidario messo pe sdraiato.

E allora arriva sta settimana e tutti improvvisamente possono tornà a scuola, però adesso possono mannajele a dì, e nun ce devono avé paura de nun sapé le cose, perchè tanto nun je mette er voto nessuno.E co questa settimana davero gli scienziati se prendono na boccata d’aria fresca, quella bbona che sà de vino de li Castelli e davero se illudono de esse un minimo riconosciuti o almeno de avecce l’opportunità de dì che fare scienza è amà la ggente, ma amalla così tanto che vòi regalà quarcosa de eterno, che è una conoscenza nòva, pulita pulita, ‘na cosa che nun se sapeva prima e che la regali a tutti, pe tutti e pe sempre.

Poesse che sia ‘na particella che nun se sapeva si c’era o si nun c’era; ‘na tecnologia, tipo er Webbe, che te rivoluziona la vita; ‘na nòva medicina che te sarva er culo. E durante sta settimana tutti ad ascoltà, con le ‘recchie belle appizzate a sentisse tutto: er bosone de Higgs, i cambiamenti climatici, er viaggio su Marte, gli Esopianeti, i buchi neri. E poi la settimana finisce, e da una ‘recchia è entrato tutto, e poi dall’altra è uscito tutto, come fosse ‘n soffio de vento a Frascati. Ma la cultura è anche questo: fà prende aria ar cervello.

Paolo Barucca, La Scienza Coatta

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...