Da bracciante a ministro dell’agricoltura

Affinché possa restare agli archivi pubblichiamo questo breve articolo già apparso su facebook a firma di Vanni Capoccia, pensionato e militante della Cgil che ha salutato così il giuramento della neo ministra Teresa Bellanova

Questa signora è la nuova ministra dell’agricoltura Teresa Bellanova. Pugliese a quindici anni già lavorava nei campi per il mantenimento familiare, è stata una bracciante agricola diventata sindacalista lottando contro il caporalato impegnandosi anche nella lotta alla disparità di genere in quel settore. Poi responsabile del sindacato dei lavoratori dell’edilizia. Conosce quindi il lavoro visto e vissuto dalla parte più dura dove lo sfruttamento dell’uomo sull’uomo è tuttora una regola. Per diventare poi deputata e sottosegretaria in alcuni governi.

Conosce la politica, leggi e regole e, visto che è stata sindacalista, l’importanza della mediazione, del compromesso, del trovare soluzioni. Non è quindi una miracolata dalla politica, non è figlia di qualcuno, non è una diventata deputata con un clic sul computer di qualche amico o parente. E’ ministra perché ha masticato la polvere della politica gradino per gradino facendolo in anni difficili per le donne anche nella sinistra.

Farà bene la ministra dell’agricoltura? Non lo so. Ma so che il suo è un curriculum guadagnato dal basso verso l’alto che tutti i politici, laureati o con la terza media come Teresa Bellanova dovrebbero avere. Credo che Giuseppe Di Vittorio fondatore e amatissimo capo della Cgil dopo il fascismo, bracciante come lei sarebbe orgoglioso di questa nomina.

Vanni Capoccia

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...