Sostenere1Idea

Oggi segnaliamo un’iniziativa che ci ha particolarmente emozionato scorrendo i video che condividiamo sul blog. Stiamo parlando di Sostenere1Idea, il contest di public speaking tra studenti promosso dalla Camera del lavoro metropolitana di Milano per risvegliare il pensiero critico dei più giovani. Cos’è un contest di public speaking?
Per raccontarlo, passo la penna ad Antonio Megale, coordinatore persone e sviluppo servizi della Cgil meneghina

Le domande sono chiavi per attivare l’immaginazione. A volte basta porsi la domanda giusta e a poco a poco l’idea si materializza, esattamente come quando pianti un seme e, per magia, qualche giorno dopo vedi spuntare qualcosa di verde dalla terra.
La domanda che ci ossessionava era “come possiamo fare appassionare i giovani al sindacato attraverso un percorso formativo esperenziale?”.
Poi, per caso, una sera mi è capitato di vedere una gara di dibate tra scuole in una piazza di Monza. Il giorno dopo, tornato al lavoro, ne parlo subito con Massimo Scibona del dipartimento comunicazione e Tatiana Bargigia del coordinamento servizi. L’idea ci sembrava possibile.
Abbiamo contattato il Liceo Bottoni: Franca Galliana e Monica Moro, due insegnanti molto sensibili al tema alternanza scuola-lavoro, hanno colto con entusiasmo la potenzialità dell’idea. Ci siamo trovati intorno ad un tavolo e abbiamo messo nero su bianco Sostenere1Idea.
Sostenere1Idea è un’esperienza di alternanza scuola-lavoro innovativa dove studenti delle scuole superiori si fronteggiano in una gara di public speaking dentro la CGIL. Abbiamo deciso di chiamarla Sostenere1idea perché l’intento educativo che sottende il progetto è quello di promuovere nelle giovani generazioni la capacità di difendere un’idea, di argomentarla con senso critico e anche di metterla in discussione. Il tutto deve passare dal coinvolgimento totale: mente, emozioni e corpo.
Per arrivare alla “finale” gli studenti devono fare un percorso intenso e impegnativo di studio e di pratica, soprattutto a contatto con il sindacato, in un arco temporale di 15 giorni. Gli studenti coinvolti sono circa 50 (due classi quinte).
Il primo giorno vengono accolti nella nostra sede. Si comincia con una breve ma essenziale lezione sulla storia della CGIL e della Camera del Lavoro. Poi ci si mette subito in gioco fisicamente sul piazzale della Camera del Lavoro.

Questo gioco apparentemente semplice ma dal grande valore simbolico, conduce, passo dopo passo, a prendere una posizione, oltre che nello spazio, con sé stessi e con il mondo.
Farlo, è sempre un momento emozionante.
Il percorso di preparazione e formazione prosegue con laboratori tematici sui 4 temi scelti dai ragazzi (immigrazione, unioni civili, legittima difesa e social media). Si formano le squadre ed ognuna sostiene la tesi opposta alla squadra avversaria. I laboratori tematici vengono guidati da sindacalisti della Camera del Lavoro.
Nei giorni successivi ogni studente partecipa ad una full immersion di public speaking di una giornata intera. Le ragazze e i ragazzi iniziano a capire sempre di più che dovranno mettersi in gioco. Quando salgono sul palco del Salone Di Vittorio, durante la prova generale, ci si sente come attori prima del debutto. Ci lasciamo alla fine della prova generale con la consegna delle magliette delle due squadre: Rossi vs Bianchi.
Il contest, il giorno dopo, 15 febbraio 2019, inizia alle 9.30 del mattino con 200 persone in sala, tra studenti, sindacaliste e sindacalisti. Si attende l’inizio.
4 sfide, 8 squadre. 3 minuti per argomentare la propria tesi, 2 minuti per rispondere a una domanda della giuria e 2 minuti per lo speech finale.
Chi decide il vincitore è la giuria formata dal comico Alessandro Betti, dalla cantante Marti Stone, da Germano Lorenzoni alias Milanese imbruttito, dalla preside del Liceo Bottoni.

Non importa davvero chi vince o chi perde. L’entusiasmo è alto. Quando si realizza una esperienza di gruppo, emotiva e cognitiva, così potente, si lascia un segno indelebile nella memoria.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...