Botta e risposta

Accogliamo la replica pubblicata sul profilo facebook di Andrea Filippi, segretario dei medici della Cgil, in seguito alle ingiustificate accuse ricevute via social dal deputato del Movimento 5 Stelle Massimo Enrico Baroni

Gentile on.le Baroni,
accomunarmi a uno scandalo giudiziario in corso e su cui non so e non c’entro nulla ha un chiaro carattere intimidatorio tipico di chi non ha argomenti seri da proporre. E dimenticavo “caro” Onorevole, tutti Voi avete l’immunità parlamentare che vi tenete ben stretta e che vi consente impunemente di infangare persone come me che oltre a svolgere con sacrificio il lavoro per il servizio sanitario, tentano faticosamente e senza immunità di tutelare il lavoro dei professionisti. Un po’ più di rispetto verso i lavoratori non le farebbe male.
Non posso nasconderle lo sconcerto che ho provato nel leggere un post che dimostra tutta la sua confusione in tema di rinnovo contrattuale della categoria che rappresento.
In commissione affari sociali chiedemmo il vostro aiuto per risolvere il problema delle risorse necessarie a dare beneficio ai medici e dirigenti sanitari afflitti dal disagio e dal sovraccarico lavorativo determinato da anni di tagli al fondo sanitario nazionale, potrà comprendere il mio sconcerto difronte al suo attacco rivolto a chi è impegnato nel tentare di risolvere i problemi dei medici del SSN.
Mai abbiamo rivolto accuse al governo ne al Ministro della Salute sulla questione della decorrenza contrattuale che sappiamo essere una criticità riconducibile alle responsabilità delle regioni con le quali stiamo conducendo una faticosissima trattativa dopo un anno di scioperi, responsabilmente da noi sospesi dopo un incontro con il Ministro Grillo. Casomai abbiamo ricevuto ingiustificati attacchi da parte del Ministro al quale, come in questo caso, abbiamo prontamente risposto a tutela dei lavoratori. Lei dimentica che gli attacchi ai sindacati sono rivolti anche ai lavoratori nella misura in cui minano i processi di partecipazione democratica.

La sua confusione assume connotazioni preoccupanti quando mi attribuisce un’inesistente affiliazione con il Partito Democratico al quale non sono mai stato iscritto. Le critiche che rivolgo come rappresentante sindacale ai governi regionali e nazionali le ho sempre manifestate a prescindere dal colore politico dei governanti in carica. Ho aspramente criticato il governo Berlusconi così come l’esecutivo Renzi/ Gentiloni nel progressivo e inarrestabile definanziamento del servizio sanitario nazionale che questo governo sta perpetrando anche attraverso il blocco delle assunzioni e l’inadeguato finanziamento dei contratti di specializzazione.

Continuerei nelle precisazioni, ma la sua ultima affermazione è di una tale gravità che ritengo necessario risponderle per vie legali

Andrea Filippi, segretario nazionale Fp Cgil Medici e Dirigenti SSN

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...